Insegnamenti pratici del Tantra

Cos’è il Tantra
“Quando l’amore ci inonda l’essere e diventa amore illimitato, ci espandiamo in modo
euforico dal finito all’infinito” G. Bivolaru
In lingua sanscrita, Tantra significa “rete, intreccio” la parola è composta dalla radice “tan” che
significa espansione e da “tanto” che significa corda, filo. L’etimologia del termine
sesso
viene, invece, dal latino sexus, radice sectus = separazione, distinzione.
Nella visione tantrica, l’intero universo fisico e mentale è percepito come essendo simile al
tessuto in cui le parti si uniscono nell’intero (tutto), e in cui l’intero (il tutto) si riflette in tutte le
sue parti. “Tutto quello che è qui è altrove, tutto quello che non è qui non è da nessuna parte”.
Così, come parte di un Tutto, io partecipo al Tutto.
Per il Tantra l’Universo è Coscienza associato ad Energia in modo indissolubile, perciò vi è il
rispetto totale di tutta la vita, animale, vegetale o batterica, perciò il corpo diventa un tempio
vivente, il nostro essere un microcosmo ovvero, un piccolo universo in miniatura.
“Il fine del Tantra è rendere sacra la vita quotidiana, trasformare la coscienza, partendo dal
corpo, suo veicolo, per immergerla nello Spirito. Trascendere Maya, per padroneggiare tutti gli
aspetti della nostra totalità, quelli materiali come quelli più sottili, significa andare oltre gli istinti
e l’Ego, senza condannarli né abbandonarli ma sublimandoli, incanalandoli e dirigendoli verso
l’alto, usandoli come mezzi per arrivare a comprendere lo Spirito. Poiché sono anch’essi una
sua manifestazione.” (Il villaggio del Tantra – Stefano Fusi).
Mentre in Occidente l’unione sessuale viene spesso considerata ancora qualcosa di “sporco” o
di “proibito”, una merce da vendere od una perdizione da evitare, in Oriente è stato trattato per
1 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
secoli come uno strumento che, attraverso l’unione mistica delle energie maschili e femminili (lo
Yin e lo Yang), consente l’elevazione spirituale dell’individuo, in base al presupposto che
l’energia sessuale può essere trasformata in energia affettiva, mentale, spirituale. In questo
senso, il rapporto sessuale, attraverso l’estasi che consente di raggiungere, diventa un vero e
proprio rito alchemico per la trasformazione interiore.
Nel Tantra Yoga, l’energia sessuale viene scoperta, trasmutata e sublimata per permettere
all’individuo di raggiungere stati elevati di coscienza fino alla perfetta comunione con la
Coscienza Universale. È l’unione dei due aspetti Yin e Yang, femminile e
maschile, lunare e solare, che porta alla creazione, a tutta la manifestazione.
L’unione amorosa
“Non gettare questo nettare indifferentemente. È da questa sostanza che lo yogi ha la propria
origine. La sua natura è l’estasi più elevata. È indistruttibile e splendido ed è penetrante come il
Paradiso” Hevaraja Tantra
Esistono due scuole fondamentali in cui si suddivide il Tantra.
Nel Tantra della Mano Destra, vi è il desiderio intenso e permanente di unione con un essere
Divino. Un esempio può essere dato da ciò che chiamiamo sesso astrale ovvero le esperienze
erotiche che appaiono in sogno oppure l’adorazione delle Grandi Forze Cosmiche che si pratica
in alcune scuole tantriche. È la pratica dell’astinenza ma anche della permanente trasmutazione
e sublimazione del proprio potenziale erotico in energie più elevate, raffinate.
Il Tantra della Mano Sinistra controlla il potenziale erotico attraverso la continenza e quindi
pratica l’unione sessuale con il perfetto controllo delle proprie energie che vengono sublimate
dai livelli – Chakra (dal sanscrito, ruota) – inferiori a quelli superiori dell’essere umano.
2 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
La tradizione definisce categoricamente il Tantra della mano destra superiore al Tantra della
mano sinistra ma molti maestri tantrici affermano che l’occidente sarebbe praticamente
incapace di seguire questo cammino che, almeno all’inizio, si rivela troppo astratto ed elevato.
Nel Tantra “della Mano Sinistra” o Vama Marga, la donna rappresenta l’influenza lunare, la
polarità negativa o della sinistra, e gioca un ruolo essenziale. Nella “Via della Mano Sinistra”,
non c’è alcuna forma di negatività e austerità poiché si definisce come la via dell’accettazione,
del piacere e della beatitudine.
La continenza che praticano coloro che seguono la Via della mano sinistra, prevede il perfetto
controllo sia nell’uomo che nella donna del loro potenziale creatore, erotico, per cui l’uomo non
perde il suo seme e la donna riduce lentamente ma inesorabilmente il ciclo mestruale.
I fluidi corporei – in particolare il seme e le secrezioni vaginali, così come il sangue mestruale –
sono stati considerati fin dall’origine della spiritualità sostanze cariche di potere, che l’aspirante,
trovandosi sulla via che porta alla libertà e immortalità, deve controllare con la più grande
attenzione.
Praticando la continenza, il periodo del ciclo mestruale diminuisce fino a scomparire, si
eliminano i dolori correlati alla perdita del sangue mestruale, gli stati di spossatezza fisica,
l’irritabilità emotiva.
Anche l’uomo mantiene la sua energia che viene manifestata attraverso uno stato di equilibrio
interiore e sicurezza, rendendolo sempre più capace di veicolare l’energia femminile
complementare.
“La più grande felicità per un uomo è di sentire in modo profondo la felicità che risveglia nella
sua amata; la più grande felicità per una donna è di vivere in modo profondo e completo la
felicità che risveglia nel suo amato” G. Bivolaru
Il miglior afrodisiaco è l’amore. Quando tra i due partner, esiste l’elisir dell’amore, ogni loro atto
li avvicina l’uno all’altro fino a condurli alla perfetta fusione, al superamento dell’ego e della
dualità per arrivare al vissuto estatico, sublime dello stato
androginale .
3 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
L’amore permette di cogliere nell’amato e nell’amata i principi fondamentali e imprescindibili
della manifestazione, permette di cogliere nell’uomo la coscienza – Shiva, e nella donna
l’energia – Shakti.
La donna è proprio questo, energia per la trasformazione, il cambiamento, l’evoluzione. L’uomo
è la coscienza.
La donna vitale, cosciente della propria femminilità vive in modo spontaneo la propria sensualità
valorizzando se stessa e portando armonia all’interno della coppia. Una simile donna è capace
di risvegliare tenerezza, sa accogliere l’uomo e al contempo sa risvegliare il fuoco della
passione conducendo il proprio partner nel gioco amoroso.
Grazie alla sua sensibilità e al suo intuito risveglia ed amplifica nell’uomo caratteristiche
profondamente benefiche, mostrandosi naturalmente aperta alla spiritualità. Per questo in molte
tradizioni, non solo orientali, ritroviamo il culto della femminilità, della Dea Madre, di Madre
Natura, della Madre Terra.
“Il corpo nudo di una donna è la rappresentazione dell’intera natura.” Mircea Eliade.
Per questo è importante che l’uomo impari ad amare la propria donna, in ogni suo dettaglio,
scoprendo e riscoprendo il suo corpo, giocando con le sue forme, disegnando con lei i momenti
sublimi che alimentano l’intesa, la passione e che preparano alla fusione amorosa.
Per questo è importante l’atto della trasfigurazione reciproca, momento in cui la donna
riconosce nell’amato Shiva e si svela all’uomo come Shakti.
Il preludio è importantissimo per ogni donna che desideri manifestare completamente e in
modo spontaneo tutto il suo fascino, la sua energia femminile capace di trasformare l’unione
sessuale in una fusione estatica, nell’incontro delle due anime in un attimo sublime ed eterno.
4 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
I preliminari sono assolutamente necessari per ogni donna e permettono di armonizzare i
tempi che tendono ad essere più lenti nella donna rispetto all’uomo.
La donna, secondo uno dei maestri tantrici viventi, Gregorian Bivolaru, dovrebbe raggiungere
numerosi orgasmi ancor prima della penetrazione, grazie all’unione con un uomo (
VIRA – eroe spirituale
) capace di risvegliare e dinamizzare la sua natura femminile.
L’unione nell’atto amoroso con continenza presuppone il pieno e perfetto controllo delle proprie
energie, senza alcuno spreco delle stesse ma piuttosto, attraverso la trasmutazione e
sublimazione, il loro utilizzo a livello affettivo, mentale, spirituale.
Durante l’unione amorosa con continenza, i due partner mantengono una respirazione
controllata , lenta,
profonda poiché, proprio l’atto respiratorio, facilita il controllo delle proprie energie permettendo
di raggiungere stati di orgasmo in serie, molto più intensi, senza percepire al termine della
fusione, alcun tipo di stanchezza o calo del desiderio. Una respirazione controllata permette,
inoltre di diffondere lo stato di orgasmo a tutto il corpo, coinvolgendo ogni singola cellula,
portando sia l’uomo che la donna a vivere e sperimentare stati di orgasmo sempre più profondi,
intensi e soprattutto, ogni volta diversi!
La continenza permette di esplorare ai livelli più elevati l’intero universo femminile, maschile e
l’intera manifestazione, permette di trascendere la dualità e di vivere l’unione (Tantra Yoga –
yoga significa unione). Ogni unione amorosa, perfettamente continente, si rivela un’esperienza
sempre diversa che conduce i due amanti al raggiungimento di orgasmi in crescendo sia per
intensità sia per l’elevazione dello stato di coscienza che viene amplificato.
L’importanza della polarità tra uomo e donna
“L’albero dell’Eternità ha le radici nel cielo, mentre i suoi rami crescono in giù verso la terra. Lui
5 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
è lo Spirito Immortale su cui si sostengono tutti i mondi.” Katha Upanishad
Il Tantra insegna a riconoscere all’uomo e alla donna specifiche energie, complementari e
necessarie.
Gli scritti e gli insegnamenti mistici orientali presentano le due forze, del Cielo e della Terra,
come i princìpi fondamentali che penetrano e sostengono il tutto. L’induismo li chiama Shiva e
Shakti, i buddisti tibetani Yab (padre) e Yum (madre), mentre il taoismo si riferisce a questi
come Yang (più) e Yin (-). Queste due forze operano nell’intero mondo fenomenale come: luce
o buio, caldo o freddo, secco o umido. Sono interdipendenti e si sostengono reciprocamente. La
forza del Cielo determina la struttura dell’organo sessuale maschile – Lingam, mentre la forza
della Terra determina la forma dell’organo sessuale femminile – Yoni. Quando le forze maschili
e femminili sono equilibrate nell’essere, risulta l’armonia cosmica. L’orgasmo determina la
bipolarità “l’esteriore” e “l’interiore”, l’espansione e la contrazione, il positivo e il negativo, il
solare e il lunare.
Il Tantra insegna a manifestarci secondo la nostra natura, in modo armonioso.
Ci insegna che la donna accompagna con forza l’uomo mentre quest’ultimo guida
amorevolmente la donna. La donna contemporanea come SHAKTI deve riscoprire i valori
della sua bellezza interiore, della sua forza di trasformazione, della sua predisposizione al
cambiamento, della sua capacità di analisi del dettaglio, della sua intuitività e ricettività. Solo
valorizzando la sua stessa natura, la donna potrà riacquistare in pieno la sua forza interiore
sostenendo non solo il proprio amato ma contribuendo al cambiamento dell’energia planetaria.
Deve aver fiducia in se stessa e saper valorizzare le sue qualità.
L’uomo contemporaneo deve mantenere lo “stato shivaico”, di piena coscienza, manifestare la
propria sua forza con armonia e saggezza, la sua virilità ( VIRA – eroe
spirituale ),
deve essere compagno capace di sostenere e dirigere seguendo la verticalità della crescita
spirituale. L’uomo odierno deve voler ascoltare i segnali della propria compagna che indicano,
in dettaglio un bisogno al cambiamento mentre egli individua la via di crescita globale per la
coppia, secondo una visione d’insieme.
È noto che un uomo molto virile attira a sé una donna molto sensuale così come una donna che
riesce a manifestare la sua propria natura, manifesta al contempo la piena bellezza delle sue
6 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
forme e della sua intelligenza attirando a sé un uomo capace di valorizzare e sostenere il suo
stesso manifestarsi.
L’energia femminile può manifestarsi solo al fianco di un uomo capace di apprezzarne il
valore ed il potere di trasformazione spirituale; l’uomo può realizzare la sua piena
coscienza solo accompagnato dall’energia immensa della donna.
Perché la donna deve scoprire e valorizzare la propria femminilità
Possiamo tornare a 7.500 anni a.C. e incontrare la prima città tantrica, la splendida
Çhatal-Huyuk, in Anatolia dove la donna occupa un posto d’onore, tanto nella vita profana come
nella religione centrata attorno alla Dea Madre. (A.V.Lysebeth, Tantra).
Nella cultura andina, di matrice femminile, la sessualità viene vissuta con molta libertà, senza
vergogna e senza senso di colpa, con la consapevolezza che influisce sul benessere fisico,
emozionale e spirituale delle persone e della comunità intera. La sua conoscenza è un diritto,
mentre la sua ignoranza è un delitto contro se stessi, gli altri e il proprio partner.
Tinkuy è il termine quechua per definire la conoscenza sacra sulla sessualità nella cultura
andina. E’ una via di consapevolezza attraverso l’uso dell’energia sessuale, che permette di
aprire le porte a una dimensione estatica transpersonale e di viaggiare nel tempo e nello spazio,
come ancora possono fare molti uomini di medicina che conoscono tale pratica. Quando si sa
come direzionare l’energia sessuale è possibile innalzarla per raggiungere profondi stati di
coscienza. (Tinkuy: il Tantra nella cultura andina – Anna Poletti)
Secondo i taoisti, la superiorità della donna in campo sessuale ha dei motivi biologici: i suoi
organi sessuali devono essere in grado di svolgere compiti assai gravosi come la gravidanza, il
parto e l’allattamento. Ma anche la donna perde energia attraverso i suoi organi genitali, e lo fa
non con l’orgasmo bensì con le mestruazioni. Il sistema sessuale femminile è composto di
quattro parti – la vagina, l’utero, le ovaie ed i seni – in relazione tra di loro.
7 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
Si tratta di una relazione evidente durante la gravidanza, il parto e l’allattamento, eventi durante
i quali le mestruazioni si interrompono. Nella gravidanza, il sangue che altrimenti sarebbe
andato perduto va invece a nutrire il feto. Dopo la nascita, lo stesso sangue si trasforma in latte.
Le mestruazioni riprendono soltanto dopo l’allattamento.
La pratica della continenza è quindi sostenuta anche dal tao del sesso: “Quando si pratica la
continenza, il corpo reagisce come se ci fosse un bambino a poppare regolarmente, e il sangue
affluisce al seno, invece che nell’utero, ridando energia a tutto il corpo.
Secondo i taoisti il metodo della continenza è stato utilizzato per millenni – non solo per la
pianificazione familiare, ma anche per conservare un aspetto giovanile, è così che molte donne
sono riuscite a mantenere la loro bellezza anche dopo aver dato alla luce vari figli.” (Tao, Tantra
e Sesso Trascendentale – Giampiero Cara).
Scrive Gregorian Bivolaru, professore di yoga e maestro tantrico: “Grazie alle sue eccezionali
doti innate, assolutamente ogni donna è capace di realizzare spontaneamente la continenza
sessuale durante l’atto amoroso, semplicemente seguendo l’istinto. Mentre un uomo virile e
potente, deve costantemente allenarsi ogni giorno, per un periodo abbastanza lungo, per
arrivare a praticare la continenza sessuale, qualsiasi donna vitale, armoniosa e sensuale ha
sempre a sua disposizione questo innato dono che deve semplicemente voler esercitare per il
suo bene. Da questo punto di vista, paragonando la donna all’uomo, la prima è sicuramente
superiore a quest’ultimo”.
La donna come iniziatrice
Conoscendo e apprezzando, nel suo giusto valore, le doti innate della donna, i grandi saggi
della millenaria tradizione tantrica, l’hanno ammirata e adorata nell’ipostasi di SHAKTI – potere
femminile – come ESSERE INIZIATRICE.
8 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
Tutte le culture antiche hanno tradizioni che lodano il potere di iniziatrici delle donne. L’Egitto, la
Grecia, l’Arabia, il Tibet e la Cina, tutte condividevano questa fondamentale convinzione. La
donna era considerata l’incarnazione della bellezza, della sensualità e della vitalità amorosa,
allo stesso tempo guardiana del potenziale creatore. Ogni essere umano nasce dalla YONI di
una donna; ogni uomo desidera rientrare in questo territorio della femminilità perturbante con il
contatto sessuale illimitato (che si realizza solo attraverso la REALIZZAZIONE DELLA
PERFETTA CONTINENZA).
NAYIKA SADHAN TIKA afferma che la donna con cui qualcuno desidera praticare l’Arte
dell’Amore deve “Essere molto bella e straordinariamente sensuale, deve avere uguali e quanto
più sviluppati armoniosamente sia il corpo sia la mente. La sua improvvisa apparizione aprirà la
misteriosa porta dei vissuti spontanei ed elevati e sedurrà la mente” .
Il formidabile potere della donna iniziatrice è enorme, consta in primo luogo nella sua attitudine
mentale rispetto alla sessualità che essa considera solo in senso spirituale.
Assumendo un ruolo attivo ed esplorando con coraggio l’intera serie di segreti sessuali
durante l’atto amoroso, una bella donna, sensuale e intelligente può conferire un grande potere
sottile, spirituale, al suo amato permettendo alla coppia di raggiungere stati sublimi di estasi, la
rivelazione del Sé
, lo
stato androginale
.
L’enorme fiducia in se stessa è la condizione essenziale ed il fondamento attraverso il quale,
si manifesta la dea presente in ogni donna, la Dea Iniziatrice.
La donna che sa riconoscere la sua natura e la sua forza, vive secondo l’amore e ne è
manifestazione in ogni suo atto o pensiero. Una tale donna è libera dall’orgoglio personale che
costituisce il primo ostacolo alla piena manifestazione del suo amore ma anche alla piena
possibilità di ricevere amore.
La donna iniziata impara ad amare il proprio corpo vitale, pieno nelle sue forme armoniose che
manifestano sensualità e vitalità, lontano dall’ideale della donna filiforme propagandato da una
tendenza commerciale che si ostina nel voler limitare in piccole taglie l’immensa energia
femminile.
9 / 10
Comprendere ed applicare nella vita di tutti i giorni gli insegnamenti del Tantra
La donna iniziata impara ad ammirare le altre donne che percepisce sempre e soltanto come
alleate nella realizzazione dell’amore universale; impara a riconoscere nelle altre donne il
sostegno adeguato per riportare l’intera società a contatto con i valori immutabili dell’amore,
della forza della natura, della spiritualità.
La donna iniziata è cosciente che ogni attimo d’amore non vissuto è irrimediabilmente
perso.
10 / 10

12 filamenti DNA

Il nostro intero sistema solare e la Galassia della Via Lattea sono ora entrati in una porzione di
cielo dalla carica molto elevata. Siamo immersi nella Cintura Fotonica, un periodo di luce
intensa in cui abbiamo iniziato ad entrare alla fine degli anni ’90 e in cui rimarremo per circa
2.000 anni. In questo importante momento, le energie provenienti dalla Cintura Fotonica
stanno innescando un riassetto totale della vita per come la conosciamo. Ciò accade perché
l’energia della luce fotonica ha la capacità di spostare tutta la vita all’interno di una
dimensione dalla frequenza più elevata, poiché contiene in sé i semi dell’illuminazione di
tutto. Le strutture atomiche interne alle cellule del nostro corpo stanno lentamente risintonizzandosi
per combaciare con queste frequenze in aumento. Stiamo trasformandoci da
corpi di terza dimensione a base carbonio (risuonanti alla frequenza e rotazione atomica del
carbonio) a corpi cristallini di quinta dimensione e oltre, o corpi di luce (corrispondenti alla
frequenza e rotazione atomica del cristallo). Parimenti, anche i corpi degli animali, la vita
vegetale e tutto ciò che esiste sopra e dentro alla Terra sta facendo questa transizione, come
pure la nostra intera galassia.
Man mano che il processo di ricostruzione dei nostri corpi di luce andrà avanti, inizieremo
pian piano a notare gli effetti del divenire pienamente consapevoli, o multidimensionali. Tale
stato si avrà quando il nostro DNA a 12 filamenti si sarà finalmente congiunto, riconnesso e
attivato. Sperimenteremo allora la vita all’interno della coscienza multidimensionale. A tale
livello di coscienza possiamo vivere nella terza dimensione conservando al contempo la
nostra connessione e relazione con gli esseri dei reami superiori. Non saremo più tagliati fuori
dalle altre dimensioni come siamo ora, e funzioneremo da uno stato di compassione centrata
nel cuore (coscienza Cristica). Questo avverrà indipendentemente da quale dimensione ci
troveremo noi stessi ad abitare. Impareremo come vivere con successo in una società galattica
ed infine in una società universale. Attualmente, la maggioranza degli esseri umani ha attivi
due filamenti di DNA, rappresentati da una doppia elica intrecciata. Alcune persone hanno
sviluppato ed integrato tre o più filamenti, ed un gran numero di bambini nuovi nati in questo
periodo (i bambini cristallo), ne hanno già attivi molti di più.
Ognuno dei 12 filamenti di DNA rappresenta uno dei dodici aspetti della coscienza
multidimensionale. Tre filamenti del DNA rappresentano e governano il corpo fisico, altri tre
si occupano del corpo emozionale, altri tre del corpo mentale, e i restanti tre del corpo
spirituale. Tutti questi aspetti vengono rappresentati nel nostro corpo da nuovi percorsi neurali
che vanno al cervello. Essi sono connessi e nutriti dal sistema endocrino tramite un sistema di
ghiandole prive di condotto. Queste ghiandole lavorano in coppia con i vortici di energia
dentro al nostro corpo, noti come chakra. Quando tutti i percorsi neurali lavoreranno
liberamente insieme al nostro sistema di chakra, essi offriranno il passaggio verso i regni
superiori, dando come risultato il nostro poter sperimentare la coscienza della
multidimensionalità.
IL SISTEMA DEI CHAKRA
Noi viviamo in un universo messo in moto dalle leggi dell’elettricità e del magnetismo, il che
si riflette in tutte le forme di vita di terza dimensione al suo interno. Le nostre stelle e i pianeti
(forme di vita geo-magnetica) hanno tutte un polo nord e un polo sud, con linee di forze
magnetiche che scorrono tra i due. I nostri corpi umani (forme di vita bio-magnetica) si
uniformano anch’essi a tale campo magnetico bi-polare, con la cima della testa che costituisce
il nostro polo no rd e le piante dei piedi che sono il nostro polo sud. In una rappresentazione di
terza dimensione, il movimento di queste linee di forza tra la nostra testa e i piedi, avvolge
completamente il corpo all’interno di una struttura eterica conosciuta come un toroide a tubo.
Immaginatevi questo campo energetico a forma di “ciambellina” che si estende totalmente
intorno al vostro corpo. È chiamato la vostra aura. Avete notato che quando incontrate una
persona per la prima volta vi capita di esserne istintivamente attratti ? Può essere la
dimostrazione che entrambe le vostre auree vibrano in sintonia, risuonano insieme. La stessa
cosa può esser vera quando la presenza di un altro viene sentita con disagio. Forse le energie
elettro- magnetiche delle vostre auree si respingono a vicenda. Al centro di ogni campo
magnetico bi-polare c’è un nucleo magnetico che va da nord a sud. Nel caso di una semplice
barretta magnetica, si tratta di un pezzo di metallo magnetizzato. Nel caso del bio-magnetico
corpo umano è un canale, osservabile solo nella materia sottile, chiamato tubo pranico.
All’interno di questo nucleo è contenuta la forza vitale per sostenere la creazione di ogni
individuo durante la sua esistenza.
Ogni tradizione spirituale identifica e riconosce la forza vitale, quel grande campo di
potenziali che genera e poi mantiene in esistenza ogni singola cosa, momento dopo momento.
Negli insegnamenti spirituali Cinesi la forza vitale è chiamata qi o chi (per es. nel Tai Chi, per
accrescere la forza vitale), mentre quelli Giapponesi e Coreani la chiamano ki (nel Rei-ki, che
significa guarigione tramite la forza vitale). Nelle tradizioni Indiane e Tibetane viene
identificata col prana. La tradizione Cristiana chiama la forza vitale, grazia che santifica, o
grazia. Chi pratica le tecniche spirituali della New Age, si riferisce a questo campo coi termini
di luce o luce bianca, mentre ai fisici è noto come campo sub-atomico o campo quantico. In
questo periodo, la forza vitale viene anche intensificata ed amplificata dalla Cintura Fotonica.
Mentre girate tra le grandi quantità di persone tutte prese dalle loro faccende, in una qualsiasi
grande città, potete notare ed identificare molti di quelli che stanno soffrendo di un diminuito
accesso alla forza vitale. Si rivela dal loro stato di salute, dal loro senso di apertura e sicurezza
di sé, e anche dal modo in cui si rapportano agli altri e si comportano. Dobbiamo tutti
accedere pienamente e completamente alla forza vitale, per massimizzarne i benefici nella
nostra esistenza quotidiana. Il nostro sistema di chakra è il veicolo meravigliosamente
progettato per adempiere a tale funzione.
Chakra, in Sanscrito, vuol dire “disco che rotea” o “ruota”. È uno dei tanti nomi umani usati,
per definire ciò che viene sentita essere una connessione bio- fisica con la nostra anima o
spirito. Queste connessioni energetiche, o chakra, esistono affinché l’anima o spirito sia
immerso nel corpo fisico e sia ad esso completamente mescolato. Al momento ciascuno di noi
ha sette di queste connessioni energetiche, intessute nei centri meridiani del corpo, alcuni dei
quali si trovano lungo la spina dorsale. Questi centri sono simili, per funzione, alla scatola di
derivazione (o centralina elettrica) rinvenibile nel sistema elettrico di una casa o un ufficio. Il
nostro corpo fisico viene controllato anche da una serie di circuiti neuro-elettrici altamente
complessi, con un gran numero di ubicazioni specifiche in cui questi circuiti convergono.
Ognuna di queste ubicazioni viene monitorata da uno speciale mini computer-neurale,
collegato al cervello per mezzo del sistema nervoso centrale. Sono queste ubicazioni
specifiche ad esser chiamate chakra, ed ognuna adempie ad una funzione specifica. Così come
esistono determinate ghiandole endocrine che sono associate al funzionamento di ogni singolo
chakra. E poiché il campo vibratorio della luce, attiva anche colori e suoni, ognuno dei centrichakra
produce il suo proprio specifico colore e suono.
ROSSO (ghiandola endocrina del surrene, o ghiandola surrenale): il chakra di base, o della
radice, ci collega al mondo fisico e funge da fondamenta per costruire e sviluppare la nostra
personalità. Questo è il chakra dell’accettazione, che ci permette di sentirci radicati, stabili e
sicuri. Quando funziona appieno, ci sentiamo presenti nel qui ed ora, e connessi al corpo
fisico.
ARANCIO (gonadi: ovaia/testicoli): il chakra della riproduzione, o sacro chakra, è il centro
dell’energia sessuale e della creatività, che bilancia il libero dare e ricevere di sentimenti ed
emozioni in ogni nostra relazione.
GIALLO (milza): il chakra del plesso solare è il punto in cui il nostro onore, integrità e potere
hanno origine. È l’essenza di colui/colei che siamo. Quando è aperto abbiamo il controllo e
possediamo sufficiente auto-stima.
VERDE (timo): il chakra del cuore è il centro del nostro sistema. Anche noto come il grande
trasformatore, esso genera la capacità di amare liberamente senza paura o coscienza di sé.
Quando funziona appieno, si è compassionevoli, amichevoli, e capaci di lavorare in armonia
in tutte le relazioni.
BLU (tiroide): il chakra della gola è il punto in cui sentimenti ed emozioni vengono
trasformati in espressività. Questo centro chakra vi aiuta a trovare l’equilibrio tra il silenzio e
la parola, e vi assiste nel dire ciò che onestamente sentite. Quando è aperto non esistono
problemi con l’esprimere voi stessi verbalmente o artisticamente.
INDACO (pineale): il “Terzo occhio” tra le sopracciglia, sopra al naso, vi connette al vostro
essere spirituale e richiama intuito e consapevolezza dentro alla vostra vita quotidiana. Questo
centro ci permette di sperimentare il nostro sesto senso fatto di conoscenza intuitiva e di usare
la fantasia.
VIOLA (pituitaria): il chakra della corona vi collega al vostro più totale essere, con la
consapevolezza che voi, l’universo e il Grande Creatore siete tutt’uno. Quando funziona
liberamente, siamo privi di giudizio e consapevoli del mondo, di noi stessi e delle altre
dimensioni.
I FILAMENTI DI DNA E LE GHIANDOLE ENDOCRINE
Ognuno di questi dodici filamenti di DNA rappresenta uno dei dodici aspetti della coscienza
multidimensionale:
Filamento 1:
Coraggio di andare avanti ed integrare le nostre paure
Filamento 2:
Capacità di focalizzarsi su qualcosa e portarlo a compimento
Filamento 3:
Conservare l’equilibrio del genere sessuale tra il potere maschile e femminile
Filamento 4:
Equilibrio tra il nostro campo energetico e il corpo fisico
Filamento 5:
Vivere pacificamente in uno stato di accettazione
Filamento 6:
Forza di rimanere nella propria verità, indipendentemente dalle conseguenze
Filamento 7:
Capacità di accettare entrambi i nostri lati di ombra e luce
Filamento 8:
Capacità di conservare i propri confini persona li, indipendentemente dalle conseguenze
Filamento 9:
Capacità di accettare e vivere all’interno di una comunità dissimile da noi
Filamento 10:
Capacità di sintonizzarsi con la propria anima o sé superiore e darvi ascolto
Filamento 11: Potere di immaginare, e creare/far manifestare tali visioni nella 3a Dimensione
Filamento 12:
Capacità di saper accettare, essere cordiali, e di apprezzare il valore di tutte le cose
Le Ghiandole Endocrine
Ipotalamo – Io mi traduco in ciò che credo
Pineale – Io vedo o immagino ciò che ricevo
Pituitaria – Io ascolto ciò che ricevo
Tiroide – Io dico ciò che ricevo
Timo – Io purifico e trasformo ciò che ricevo
Cuore – Io sento ciò che ricevo
Gonadi – Io creo e manifesto ciò che ricevo
Surrene – Io dò applicazione a ciò che ricevo
Nel processo di ri-codificazione, quindi, ogni filamento dev’essere singolarmente riconnesso
ad ogni ghiandola e poi attivato. Ciò conduce a quell’ampliamento del DNA, che è necessario
per supportare una piena coscienza dei regni superiori ed una totale comunicazione con essi.
Questi aspetti vengono rappresentati, nella fisicità, da nuovi percorsi neurali verso il cervello
e, quando la connessione sarà completa, la nostra coscienza multidimensionale verrà percepita
e raggiunta pienamente. La luce proveniente dalla Cintura Fotonica che entra dalla pituitaria e
dalla pineale, è quella che sta principalmente conducendo questo processo di ri-codificazione.
Noi possiamo attivamente co-operare, in tale fase, cercando di raggiungere una qualche
comprensione di qua nto ci sta accadendo. La nostra capacità di interagire con le nuove
frequenze di luce ed assorbirle dentro ai nostri corpi fisici, determinerà il come noi
progrediremo in questo successivo gradino della nostra evoluzione fisica e spirituale. E
osservando attentamente i nostri sistemi di credenze e le nostre azioni, usando emozioni e
volontà come carburante per avanzare spiritualmente, noi modificheremo e ripuliremo molte
indesiderate forme pensiero e schemi comportamentali che non ci servono più.
State attenti a chi offre tecniche per affrettare o far avanzare esageratamente la vostra ricodificazione
del DNA – soprattutto se attaccato c’è un cartellino del prezzo molto alto. Ci
sono molti esseri superiori, guide angeliche e maestri, ultimamente, che si stanno impegnando
con noi. Essi aiutano ciascuno di noi, durante questo processo di ri-codificazione, a “stare
sulle nostre gambe” e a non cercare di correre troppo avanti. Tale procedimento non può
neanche essere affrettato da nulla che possiamo leggere in un libro o comprare in bottiglia. Sta
avendo luogo esattamente nel giusto lasso di tempo, a prescindere da quanto potremmo
cercare di interferire. Questo scenario è immenso ed include la nostra intera Galassia della Via
Lattea. Sta avvenendo in risposta al Piano Divino per il nostro universo, che ha avuto inizio
dal nostro Creatore di Tutto Ciò Che È. Quindi, rilassatevi e lasciatevi andare alla corrente,
permettete al tutto di manifestarsi da solo nel suo giusto tempo. Godetevi il viaggio. I risultati
finali saranno grandiosi ed inseriranno noi tutti dentro ad un’esperienza multidimensionale, in
cui poter vivere sulla Terra con la compassione dei Cieli.
L’ATTIVAZIONE DEL DNA
consiste nell’attivazione di 10 filamenti dormienti di DNA
che tutti abbiamo ma che nessuno sa di avere. Si tratta di un totale di 12 filamenti, 2 attivi e
10 dormienti. I filamenti inattivi costituiscono quella parte di DNA che la scienza definisce
“DNA spazzatura” dimenticando che l’Universo non crea cose inutili. L’attivazione del DNA
serve ad adeguare il proprio corpo-mente ai cambiamenti che la Terra e l’umanità stanno
vivendo in questi ultimi tempi.

FOTONI

Fotoni, aperture di coscienza

È arrivato il momento di fare un salto quantico nella nostra vita e ottenere una trasformazione, così come anche una modificazione del nostro destino, perché i fotoni luce stanno prendendo sempre più forza in tutto il pianeta e sprecare questa grande opportunità sarebbe assurdo. Quel che succede è che la maggior parte delle persone non ha preso totalmente sul serio il fatto di avere urgente bisogno di curarsi dai molti stati traumatici, fobici ed egoici dannosi… E anche se ci troviamo nella peggiore epoca di questa civiltà decisamente decadente e corrotta  la nostra lotta per questo cambio urgente non si deve fermare, perché avvicinandoci sempre di più al centro galattico, viviamo delle frequenze vibratorie nel DNA più intense e rinnovatrici…e sebbene continuino a metterci trappole per farci inciampare, il risveglio è inarrestabile e globale. Dunque per arrestare questa forza antitetica, contraria alla luce, la soluzione è utilizzare la scienza della Meditazione, perché questa pratica tanto antica ci fa crescere internamente, ci aiuta a ottenere una salute fisica più duratura, ecc… ed inoltre è presente nel nostro DNA, per questo per potere fare un’autentica evoluzione che arrivi alla parte più profonda della nostra vita e dei nostri comportamenti, la meditazione Buddista Zenista è fondamentale per ottenere il trionfo finale. L’essere umano ha la possibilità di fare un salto quantico nella nostra coscienza, ma sempre che vi sia pace, equilibrio, armonia e coerenza negli ambienti in cui ci troviamo, per questo insisto sulla necessità di elevare questa frequenza vibrazionale densa che molti hanno. Ma per ottenere ciò, l’equilibrio tra mente e cuore è fondamentale per poter avere una stabilità bioenergetica profonda. Solo la Meditazione genetica mutatrice, che si verifica tra il cervello e il cuore, ci condurrà alla Coscienza unificata ed alla splendente Luce del Fotone e queste interazioni sinaptiche, neurologiche e atomiche che ci avvolgono eleveranno la nostra frequenza interna, addirittura verso lo stesso campo energetico galattico che ci circonda.

 Il fenomeno dell’ Entanglement (azione diretta a distanza)dimostra indirettamente l esistenza dell’ Anima. Se due fotoni, frammenti elementari di Luce,ci hanno dimostrato di essere capaci di comunicare invisibilmente a distanza, istantaneamente e indipendentemente da ovunque possiamo credere che siano, è perché hanno un Campo,un Anima appunto,che già riempie la Universo. Poiché fotoni,elettroni,ma anche atomi,molecole complesse,hanno già dimostrato di essere invisibilmente in costante e diretto contatto tra loro, indipendentemente dallo spazio fisico che li separa,non è affatto una forzatura credere che anche noi possediamo tale capacità!

È scientificamente dimostrato che ci troviamo all’interno di un gigantesco Ologramma energetico protettivo creato dalla Confederazione Galattica per venire protetti in questo lungo spostamento verso il sistema solare di Cane Maggiore e del Sole Sirio. E’ tutto un lavoro di alta tecnologia extraterrestre portato a termine quando tutto l’insieme planetario con il Sole hanno fatto incursione nel colossale anello fotonico del sole Alcione delle Pleiadi. Solo a partire da questi momenti della fine del calendario Maya, Hindu, Hopi, Egizio, la Confederazione Galattica è intervenuta e ha dato inizio ad una poderosa trasformazione fisica e genetica che è quella che si sta verificando attualmente. E anche se esistono ancora contrattempi , si sta verificando un fenomeno genetico apparentemente ignorato dalla scienza ufficiale ed è la modifica del DNA, per questo stanno nascendo in tutto il mondo bambini con 3 o 4 filamenti del DNA. Ma queste variazioni del genoma avranno forse una qualche importanza per l’evoluzione della nostra razza umana, e questo farà parte della continua ricezione di fotoni sulla Terra, come di una profonda innovazione psichica-comportamentale totalmente sconosciuta? E se è così, staremo accompagnando con un cambiamento etico-morale-spirituale questa nuova rinascita genetica trasformativa?