ESSERE Donna

Vedendo e analizzando a fondo il caso delle donne, mi rivolgo a loro per farle uscire da quello stato o complesso in cui le donne si trovano oggi.

È chiaro e definito che la donna davanti all’uomo non è deficiente in alcun senso. È il complemento del maschio e allo stesso tempo il maschio è il complemento della donna. Ecco perché le coppie si uniscono per creare.

Quindi il complesso delle donne è perché noi “macisti” l’abbiamo creato nel corso dei secoli. Dicono erroneamente che la donna è lunare e che l’uomo è solare. Questo è falso, perché le donne sono lunari quanto gli uomini che non hanno creato i loro corpi solari.

Sia l’uomo che la donna hanno diritto alla loro Liberazione e hanno le stesse possibilità: la donna con il suo corpo femminile può raggiungere la Liberazione, diventare una grande Gerarchia. È falso che debba disincarnarsi per tornare con il corpo di un uomo, per potersi liberare. Questo è falso. Conosco tante Gerarchie che sono sorte con il loro corpo femminile e oggi sono grandi Gerarchie, che aiutano l’umanità e lavorano per il suo bene.

Questa è una chiamata che rivolgo alle donne affinché si sveglino da quel complesso e si “alzino in piedi” per lavorare con l’alchimia.

Una signora che crea i suoi corpi solari è un grande Maestro davanti alla Loggia Bianca; non importa che tipo di corpo abbia. Smette di essere lunare e diventa solare. Come il maschio che non ha creato i suoi corpi solari, è lunare, appartiene alla parte femminile perché non ha creato i suoi corpi solari.

Faccio questa precisazione per il bene di uomini e donne, per rimuovere questo grave errore verso le donne.

L’uomo deve rispettare ciò che spetta alla donna; ognuno ha le sue attribuzioni. Allo stesso modo, la signora deve rispettare i poteri dell’uomo, non prendere d’assalto la casa e voler comandare ciò che non dovrebbe comandare. Quindi, questo si chiama equilibrio. Concordate nella coppia affinché ognuno rispetti il proprio limite e si mantenga così l’equilibrio e quindi il lavoro diventa molto più semplice per entrambi.

Tutto nella vita ha bisogno di equilibrio. In questo modo le case non diventano inferni; è così che si va a godere del matrimonio. Altrimenti, con questo squilibrio nel quale ci si trova solitamente, il matrimonio è un inferno; arrivano le separazioni e i problemi che diventano ogni giorno più grandi.

Spero che queste frasi raggiungano il cuore di ogni donna, in modo che si sveglino e si alzino, come devono sorgere. Avanti! Siamo in questa grande battaglia e dobbiamo vincere. Dobbiamo avanzare e vincere!

Finora le mie parole si sono rivolte con tutto il cuore a tutte le signore  che sono su questa strada, affinché non perdano in maniera lamentevole il loro tempo.

Energia Femminile

La donna  e’ l’eterno femmineo, la Eva monumentale  della mitologia ebraica, è l’eterno gioco del bene e del male sulla terra, secondo l’uso che gli uomini hanno di essa.

L’amazzone selvaggia, la donna-simbolo del dramma wagneriano, prototipo magnifico di ciò che c’è di più abietto e, similmente, di più eccelso al mondo, è certamente formidabile.

La donna per antonomasia, la donna-simbolo, la diavolessa originaria, è il prototipo della perdizione e della caduta e alla quale….  Re  magnifico del santo graal, può allora resistere….

E’ fuor di dubbio  che dentro questa femmina tanto adorabile esiste la lotta della donna contro la donna, della tentatrice contro la salvatrice, dell’amore contro la perfidia crudele che tutto avvelena.

Kundry, Gundrigia, Erodiade, Maria di Magdala mistica del Parsifal wagneriano, non ignora il segreto vivente della propria esistenza, (sa per naturalezza e istintivamente)

Che potrà liberarsi del potere sinistro e tenebroso di Klingsor dell’ego, solo se incontra sul suo cammino di amarezze, un uomo forte, capace di vincere se stesso e di scacciarla …. (la diavolessa)…

La pietra di paragone , l’Alma Mater, della Grande opera si incontra in Kundry, la donna per antonomasia, la donna simbolo, senza la cui presenza siamo condannati, inevitabilmente all’abisso e alla “morte seconda”.

“Donna adorabile tu sei la “Via del filo del rasoio”, il roccioso cammino che conduce al Nirvana!

Ricorda: tu sei il sentiero del segreto mistero!

“Nel vaso rigenerato o yoni sessuale femminile, dobbiamo bere il nettare iniziatico degli Dei Santi.

Il Santo Graal è il calice miracoloso della suprema bevanda, la coppia iniziatica di Sukra e di Manti.

Nel vaso santo della femmina incantatrice è contenuto il vino squisito della spiritualità trascendente”.

“E’ meglio bere il liquore femmineo che il liquore delle mandragole. Se lo bevi, non sbaglierai il cammino…”

“L’erotismo sessuale è indispensabile; amare è certamente l’anelito più puro più delizioso.

Iniziamo la nostra pratica di stasera. Prego tutti di porre la massima attenzione…

I cicli di attività maschili e femminili sono governati dal pianeta URANO. E’ chiaro che urano con i suoi due poli (negativo e positivo) determina le epoche di attività trionfali maschili e le epoche di attività trionfali femminili.

Quando il polo positivo o maschile di Urano punta verso il sole (è girato), trionfa nel pianeta Terra il sesso maschile. Queste sono le epoche della pirateria, le epoche di Napoleone Buonaparte ecc.. ecc.. e anche le epoche per le guerre di Indipendenza.

Quando il polo negativo o femminile di urano punta verso il sole, l’energia (che fluisce da Urano) dà allora il trionfo alla donna e s’innalza, trionfa, raggiunge la vetta, comanda il sesso femminile.

Noi ricorderemo l’epoca delle Amazzoni. Allora era reputata come un’epoca di splendore: si innalzarono, per così dire, templi alla DIO-LUNA, i paesi furono governati dal sesso femminile ecc.. L’impero delle Amazzoni si estese per gran parte in Europa e nel medio-oriente (fino all’Asia). Alcune esercitavano il sacerdozio, alcune erano al governo, alcune formavano parte delle forze armate. Costruirono una poderosa civiltà?

Nessuno lo può negare: è certamente la verità. Indubbiamente ci furono delle crudeltà: i bambini maschi erano incapaci in ogni attività perché non potevano trionfare. O perché gli mancava un braccio o quant’altro e se anche non avevano danni al corpo potevano esercitare che molto tardi.

Tutto ciò era crudele?

Non possiamo negarlo. Però è stato così. Chi ha partecipato alla storia lo sa ciò che passarono.

Nella guerra le Amazzoni si distinguevano straordinariamente. Ricordiamo l’amazzone Camilla, di cui dà testimonianza nientemeno che Virgilio, il poeta di Mantova. Ovviamente Virgilio, gran Maestro di Dante Alighieri, dice meraviglie sull’amazzone Camilla. In guerra , ella fu straordinaria; può essere chiamata come una delle migliori Generalesse dell’epoca, simile a qualsiasi altro gran guerriero del sesso maschile.

Per la scienza, le Amazzoni decollarono trionfalmente. Il loro impero fu poderoso e si estese da occidente a oriente. Molto tardi, questo Impero tramontò, decadde, s’indebolì precisamente nell’aspetto sessuale: un certo gruppo di Amazzoni  si legarono alla Grecia e dunque si allontanarono per un tempo, non si sa allora se si unirono sessualmente  a distinti giovani greci o se cambiarono le loro usanze.

Queste amazzoni cambiate influirono sulle altre poiché di quelle che avevano stabilito l’Impero, a poco a poco andarono a perdendo potere finchè emerse completamente il sesso maschile (era ormai passata l’epoca), ci sono 42 anni di attività maschile, e 42 anni di attività femminile. In questo momento, ad esempio, mentre ci incontriamo, sta dominando il sesso femminile (è il suo ciclo di comando). Più avanti, quando si compirà questo ciclo di 42 anni, evolverà una nuova epoca di dominio maschile.

Adesso tocca il peso del comando al sesso femminile (non lo possiamo negare, e fuor di dubbio). Attualmente la donna comanda, si impone nella scienza, nel mondo del commercio, al governo, nelle religioni, in famiglia, in ogni parte (questa è la sua epoca). Urano governa direttamente le ghiandole sessuali, nella donna governa l’attività delle ovaie.

La donna può approfittare di quest’epoca per trasformarsi, se lo desidera. In questi tempi si lotta per l’emancipazione della donna. Penso, in realtà, che la donna tiene lo scettro del potere, in questo periodo che siamo dentro all’attività del ciclo femminile di Urano. Considerando questo fatto , mi pare che il sesso femminile stia seguendo la dignificazione (diventare degno) e la trasformazione. Il sesso femminile deve approfittare del momento attuale (visto che Urano la sta aiutando) per trarne il massimo profitto dalla vibrazione del pianeta Urano. La donna sta per passare a un LIVELLO SUPERIORE DELL’ESSERE e ciò è possibile SAPENDO AMARE.

“L’Amore è la legge” però ”amore cosciente”: L’amore è il sonno della saggezza (così diceva Ermete Trismegisto nella sua tavola di smeraldo, il tre volte grande Dio Ibis di Thot).

L’amore è il fondamento di tutto ciò che è, che è stato che sarà. La donna, mediante l’amore, non solo può trasformare se stessa, ma può trasformare gli altri.

In questi tempi, bisogna sapere che alcune nazioni stanno pensando di inviare precisamente dei gruppi di donne a lottare per la pace universale. Ho sentito che l’O.N.U sta considerando molto difficile e problematica la pace e pensa seriamente di promuovere come una specie di propaganda per la pace mediante gruppi di donne.

Penso semplicemente che la donna in questo periodo spiazza l’uomo e tiene il dominio, il comando completo, per questo il sesso maschile è così degenerato attualmente. Allora è la donna che deve rigenerare l’uomo.

Lo stato di degenerazione maschile è innegabile, irrefutabile. Tocca alla donna dare una mano all’uomo , rialzarlo. Se l’uomo a perduto potere, è dovuto semplicemente alla sua degenerazione. La donna quindi ha il dovere di aiutarlo a rigenerarsi e di lottare per la pace universale.

Uno dei problemi più inquietanti di quest’epoca, è quello sessuale. Non c’è dubbio che la sessuologia, in se stessa, sia fondamentale per qualsiasi civiltà.

Il sesso maschile, ripeto, si trova in stato involutivo, decadente; ha abusato del sesso ed esso gli ha fatto perdere il dominio sopra la Terra e l’Universo. Il sesso maschile procede in forma decadente.

Quando uno studia l’energia creatrice, l’energia sessuale alla luce di Sigmund Freud (l’autore della psicanalisi) per esempio, o di Iung o di Adler o alla luce dei TANTRA SANSCRITI o tibetani o indù, o della Scuola Amarilla cinese, può scoprire che mediante l’energia creatrice è possibile la trasformazione dell’essere umano.

La donna tiene un perfetto dominio sulla biologia organica del maschio, per questo può rigenerarlo. La donna se vuole può conoscere un po’ meglio i Misteri del sesso.

Una volta questi misteri erano considerati tabù o peccato o motivo di vergogna. Ora nei paesi evoluti, il sesso si studia alla luce della scienza. Freud diede l’esempio con la sua Psicanalisi. Adler e Iung i maggiori seguacidi Freud hanno dimostrato al mondo la realtà delle teorie freudiane.

Considero quindi di vitale importanza trattare questo punto scabroso, questo delicato assunto, relazionato con la Sessuologia Trascendentale, che è l’unica che può trasformare la donna e il mondo. Ovviamente l’energia creatrice fluisce in tutto ciò che è, che era, che sarà.                     

L’energia creatrice permette alle piante di riprodursi mediante i pistilli ecc.. che vibrano, che palpitano nel calice del fiore, L’energia creatrice permette agli animali di riprodursi, formare i propri piccoli. L’energia creatrice permette a tutte le specie viventi dell’immenso mare di riprodursi incessantemente. Quest’energia, come l’elettricità, come il magnetismo, come la forza di gravità  ecc.. è un’energia che noi dobbiamo imparare a trasmutare saggiamente; è un’energia veloce, istantanea più veloce della Mente, molto più veloce delle emozioni o di qualsiasi altro movimento organico. Molte volte sarà successo a tutte le donne, di incontrarsi, per esempio con un maschio; istantaneamente, senza sapere perché, istintivamente sanno se simpatizzano o non simpatizzano con un certo uomo; se egli può servire loro di complemento, se può meritare di ottenere la sua simpatia. Ma se non è il complemento esatto, subito immediatamente non suscita in esse nessun interesse.

Sembra impossibile la rapidità con la quale la donna può riconoscere se un uomo può essere o no il complemento della sua vita. Affiora in un secondo, in un millesimo di secondo, il che dimostra che l’istinto sessuale è rapidissimo, più veloce, più veloce della forza della mente o delle attività motorie dell’organismo.

Inoltre una donna può riconoscere se un maschio può oppure no servirle di complemento per la sua vita. Ciò è dovuto al fatto che l’energia creatrice fluisce dall’uno all’altro (le onde elettro-sessuali sono molto veloci). Il centro sessuale della donna, istintivamente capta la realtà di qualsiasi uomo, questo è chiaro. Non c’è niente di più misterioso di questa energia tanto veloce. Molte volte essa si esprime nell’uomo. Per questo, prontamente, pur tenendo moglie, i maschi non si sentono completi, non si sentono con lei un tutt’uno, sentono che manca qualcosa. Sovente succede, in questi casi, che in una qualunque sala o tempio o casa che un marito incontri una certa moglie con la quale simpatizza subito. Ecco subito a COMMETTERE ADULTERIO ma ciò succede perché tutte le parti del suo essere hanno bisogno di completamento. Probabilmente nella nuova donna trova cose che lo aiutano a completarsi. Questi sono misteri che si realizzano con il sesso e che val bene conoscere…

Nell’energia creatrice c’è la vita di ogni macchina organica e il nostro corpo è una macchina.

Le ovaie, della donna, sono di per se stessi, prodigiosi, meravigliosi. Un paio di cordoni nervosi si dirigono sempre dalle ovaie fino al cervello e si avvolgono intorno alla spina dorsale formando il santo otto, IL CADUCEO DI MERCURIO. Da questo paio di cordoni nervosi (che non sono  completamente fisici, ma in parte, potremmo dire, sono tetra-dimensionali) ascende l’energia sessuale, come forza elettrica molto sottile, fino al cervello. Questa forza, per così dire, si unisce all’organismo con diversi processi. Originalmente proviene dal TERZO LOGOS, dal MAHOCHOAN. Per parlare in termini cristiani potremmo dire che questa energia è divina e il TERZO LOGOS è ciò che chiamiamo LO SPIRITO SANTO. La forza dello spirito santo è portentosa. L’universo intero non potrebbe esistere senza questa forza magnifica: i semi non potrebbero germinare, gli animali non potrebbero riprodursi, gli alberi non darebbero i frutti, l’universo intero non potrebbe esistere.

Così dunque la forza dello Spirito Santo, l’energia prodigiosa del Terzo Logo, è senz’altro degna di essere analizzata. Ci sono delle scuole che si sono dedicate a questa analisi. Queste scuole esistono in tutto l’Oriente e specialmente nel Buddismo Tantrico del Tibet. Imparare a usare questo potenziale Elettro-sessuale è indispensabile, quando si vuole operare una trasformazione. Senza l’energia creatrice non sarebbe possibile che un paio di gameti (maschile e femminile)o per dire altrimenti che uno spermatozoo e un ovulo si uniscono per formare il concepimento del feto. Inoltre sappiamo bene che cos’è la funzione del Mestruo nel sesso femminile. Indubbiamente, quest’ultima è provocata quando un ovulo maturo si stacca dalle ovaie; la ferita che resta, allora, in quel punto dell’ovulo si stacca, sanguina (si ha il processo del mestruo). Indubbiamente in quel punto che sanguina, esiste ciò che i medici chiamano “CORPO GIALLO” e che serve per evitare un sanguinamento continuo. L’interessante è vedere come l’ovulo scende fino all’utero e aspetta lì il momento di essere fecondato. Quando l’ovulo si trova depositato nella sua regione corrispondente, la donna sente (diremo in forma intensa) l’IMPULSO SESSUALE. Tutto questo impulso obbedisce a una meccanica, in relazione con l’economia della Naturalezza. Infatti l’ovulo aspira, desidera uno spermatozoo (affinchè esista una creazione, necessaria ai fini economici del pianeta terra).

In questo stato di ANSIA da parte del sesso femminile , verso il maschile, non c’è altra causa che l’ovulo il quale aspira a unirsi allo spermatozoo. Osserviamo un fatto molto interessante: di sei o sette milioni di spermatozoi che escono durante la copula, solo uno fortunato riesce ad unirsi all’ovulo femminile: perde la coda, penetra completamente nell’ovulo e inizia il processo di gestazione. Di questi milioni di spermatozoi, solo uno riesce a penetrare.

Chi è stato a iniziare questa operazione matematica?

Teniamo conto inoltre che lo spermatozoo contiene in se stesso 24 cromosomi e che l’ovulo ne fa anch’esso 24. In tutto 48 cromosomi formano la cellula germinale, la cellula di base, fondamentale mediante la quale si ha un nuovo organismo umano.

Perché un solo spermatozoo, solo uno, può entrare nell’ovulo? Chi lo dirige? C’è un principio intelligente che lo dirige! Quale sarà? Perché è stato selezionato? Indubbiamente questo PRINCIPIO INTELLIGENTE non è altro che l’energia creatrice del terzo logos, l’energia sessuale. Tutti abbiamo, nell’energia sessuale, una intelligenza, formidabile. Così inizia il processo di gestazione, di nove mesi.

Ovviamente la donna è stata eletta dalla SANTA PREDESTINAZIONE: deve essere madre. Essere madre, in verità, è un sacerdozio della NATURA, un sacerdozio divino, ineffabile. Una madre merita tutta la venerazione di tutti gli esseri che popolano la faccia della terra. Nella dottrina segreta di ANAUAC si rende culto alle donne che muoiono di parto. Esse sono delle vere martiri. Esse non vanno al MICTLAN come dicono alcuni, ma al TLALOCAN, il paradiso di TLALOC.

Alcuni pensano che queste sono dottrine dei nostri antenati e che oggi giorno siamo “molto cristiani” e non possiamo guardare altro. La cruda realtà dei fatti è che queste affermazioni degli Adepti Nahuatl, o Zapotecas o Toltecas, riposano su basi molto solide. Con quale diritto ci autorizziamo, ad esempio, a rifiutare la dottrina dei nostri antenati Atzechi, se noi stessi proveniamo da essi? Forse crediamo per caso che gli spagnoli furono più saggi dei nostri antenati di Anahuac? Sappiamo bene che non è così. Essi vennero a distruggere una cultura, bruciarono sulla pubblica piazza tutti codici antichi e privarono il mondo di ricchi tesori esoterici. Fortunatamente alcuni codici si salvarono, il che ha permesso ai grandi storici messicani e ai grandi antropologi di ricostruire parte della storia antica. Il TLALOCAN, il paradiso di TLALOC è una realtà. Se ho detto che le donne che morivano di parto, affermo in forma enfatica, che entravano nel paradiso di TLALOC. Lo meritano perché hanno dato la loro vita  alla Natura, sono morte nel compimento di questo grande sacrificio, di essere madri, hanno compiuto questa missione (la donna è stata scelta per questa SANTA PREDESTINAZIONE).

E’ così grande la felicità che sente la donna che porta sulle braccia il suo bambino, che lo alimenta al suo seno, che gli offre il suo Amore. Ella, in questi momenti sta scrivendo la pagina che la Gran Madre Natura scrive con tutti i suoi figli; è una vera sacerdotessa che merita tutto il rispetto e grande venerazione. Mediante questa energia creatrice che fluisce palpita in tutta la Natura, fluisce negli alberi, che si manifesta attraverso gli organi creatori dei pesci, degli anfibi, dei quadrupedi, degli uccelli, noi possiamo trasformarci radicalmente. Se la donna impara a maneggiare (usare) questa prodigiosa energia, può cambiare il LIVELLO DELL’ESSERE, può convertirsi in qualcosa di distinto, in qualcosa di diverso.

La donna prima di tutti, necessita di conoscere i Misteri del Sesso. Sono passati i tempi che si considerava il sesso come “peccato”, sono passati i tempi che lo si considerava tabù.

Solo conoscendo i misteri del sesso, imparando a maneggiare l’energia creatrice, la donna potrà trasformare se stessa e il mondo. Disgraziatamente, giorno dopo giorno, l’uomo non solo è degenerato, ma ha istigato i processi degenerativi nel sesso femminile: ha messo la donna sul cammino della fornicazione e anche della prostituzione, motivo più che sufficiente perché la donna studi i misteri del sesso. In questo modo solo in questo modo ella potrà trasformarsi e trasformare il maschio. Non c’è dubbio  che solo nella COPULA CHIMICA o METAFISICA (per parlare in un linguaggio che non scandalizzi nessuna delle sorelle qui presenti) vi è il segreto della trasformazione umana. La copula chimica o metafisica è stata relazionata con la GRAN COPULA UNIVERSALE. Sappiamo bene che l’ETERNO MASCOLINO feconda l’ETERNO FEMMININO da cui sorge la vita (questo e fuor di dubbio). Questi due principi appartengono al Divino. Con giusta ragione si dice: “esistono due germogli di grande importanza: il primo scende da Urano ed è maschile, l’altra ascende ed è femminile”. Nell’unione di questi due germogli c’è la chiave di ogni potere…

Basta osservare il segno della SANTA CROCE: due pali incrociati. Uno verticale rappresenta il maschile, l’altro è orizzontale e rappresenta il femminile. Nella croce si ha la chiave della redenzione. In una antica scuola di Misteri greci, si parla di un atto prezioso , mistico, che può trasformare il mondo e l’umanità. Per non scandalizzar nessuno vi dirò la chiave in latino: “INMISCIO MIEMBRUM VIRILIS IN VAGINAE FEMINAM SINE EYACULATION SEMINIS”. In ogni caso, nell’inserzione del fallo nella vagina, si trova la chiave di ogni potere. Sfortunatamente sia gli uomini che le donne l’unica cosa che hanno fatto sino ad oggi è quella della riproduzione animale….

Così come la donna è capace di deporre un figlio sul tappeto dell’esistenza, di decidere “e sia” ed egli è; così come la donna è capace di formare nel suo ventre un Napoleone o un Gesù di Nazaret o di un Ermete Trismegisto e subito decidere “esiste, esiste” e questo esiste subito alla luce del sole; così pure una donna capace di una auto-creazione straordinaria, può crearsi da se stessa, può trasformarsi in qualcosa di distinto, di differente con base intima nella copula chimica o metafisica. Sarebbe interessante che ella comprendesse il processo delle energie creatrici specialmente quando il maschio s’avvicina, quando l’ADAMO-EVA si stanno amando, quando sono uniti nella copula chimica o metafisica. Nel momento in cui il fallo verticale si incrocia con ECTERIS FORMAL (                           ) ci sono forze prodigiose (universali cosmiche) che avvolgono la coppia con una luce molto brillante, straordinaria. Queste forze prodigiose che furono capaci di creare il mondo, di farlo sorgere dal caos, ruotano intorno alla coppia avvolgendola. In questi momenti uomo e donna, ben uniti formano l’ANDROGENO PERFETTO, l’ELOHIM, una creatura sovrumana.

Ovviamente uomo e donna, uniti, sono un solo essere che hanno potere sulla vita e sulla materia, che può far sorgere una nuova creatura dal Caos. In tali momenti, se si conosce la Scienza meravigliosa del terzo logos, si realizzerebbero prodigi. In tali momenti dobbiamo trattenere questa forza straordinaria  per purificarci, per trasformarci, per sviluppare in noi altre facoltà dell’essere, per sprigionare in noi prodigi che nemmeno sospettiamo, per convertirci in Angeli, in Esseri ineffabili. La donna tiene la chiave della scienza magica ma deve usarla per aprire l’ARCA dove è racchiuso il tesoro della Sapienza Pura. Disgraziatamente, tanto la donna che l’uomo perdono  le FORZE-DIVINE quando commettono l’errore di arrivare sino a ciò che si chiama orgasmo o spasmo in alta biologia organica. Ma se la donna, in questi istanti, insegnasse al maschio la necessità di essere ”continente” se invece di arrivare alla consumazione finale di questa passione, avesse il coraggio di frenare l’impulso animale, (per evitare ciò che nella biologia organica si chiama orgasmo o spasmo) tratterrebbe queste forze mistiche del terzo Logos, del MAHACHOAN di SHIVA. Con queste forze sottili ella potrebbe fare qualcosa di differente di se stessa: potrebbe trionfare, passare a un livello superiore dell’essere, non dovrebbe mai più soffrire di miseria o di dolore, molteplici facoltà affiorerebbero in tutto l’organismo, sarebbe completamente distinta. Una donna così, trasformata dalle proprie energie creatrici, potrebbe trasformare l’uomo e il mondo, poiché la donna ha un potere unico: formare le creature dentro la sua stessa matrice.

Ci sono grandi uomini che si sono distinti nella storia: un KRISNA, un BUDDA, un ERMETE TRISMEGISTO, un GESU’ DI NAZARETH, un FRANCESCO DI ASSISI, un ANTONIO DA PADOVA ecc.. ecc..

Dove si formarono? Nell’aria per caso? I grandi uomini sono nati in tutte le epoche, da dove vennero? Qual è la loro origine? Molto mascolini, molto intelligenti, molto geniali, però vennero tutti da un ventre femminile, fu la donna che li formò nel suo ventre, che diede a loro la vita, che li mise sul tappeto dell’esistenza. Lo stesso Super-Uomo di Nietzche, non potè venire da nessun’altra parte che dal ventre di una donna. Per questo delle sagge donne si rivolsero a Gesù di Nazareth dicendogli “Benedetto il ventre che ti formò e il seno che ti allattò”

Così gli uomini non hanno molto da inorgoglirsi perché, per quanta saggezza abbiano o cultura o capacità intellettuali, non hanno formato nessuna donna nel loro ventre, non hanno dato la vita e non possono mettere nessuno sul tappeto dell’esistenza.

Certo è che la donna che può trasformare il mondo, se lo desidera (ha nelle mani la chiave del potere). La stessa biologia maschile può esser controllata dalla donna, e quindi la donna controlla le attività biologiche dell’uomo (ha questo potere straordinario, formidabile). Ella è l’unica che può fare in modo di ritenere questa forza prodigiosa, questa energia creatrice del terzo Logos, non lasciarla sfuggire, non permettere che si fonda nelle correnti universali. Per questo motivo la donna sposata, durante la copula chimica o metafisica deve assumere un atteggiamento edificante e essenzialmente dignitoso. Ovviamente il SACERDOZIO DELL’AMORE proviene da tempi arcaici della terra. Ricordiamo in Grecia le SCERDOTESSE DELL’AMORE, le HETAIRAS. Elle erano sacre, nel vero senso della parola, e sapevano somministrare quello che si chiama “AMORE” e gli uomini dovevano obbedire a esse. Ricordiamo, nelle terre del Giappone, le sacerdotesse nipponiche.

Esse somministravano ciò che si chiama “AMOR”.

Disgraziatamente, la gente dell’epoca moderna ha perso il sentiero del vero mondo definitivamente. Tutto il segreto consiste nel ritenere questa energia meravigliosa, questo sacro elisir, vitale per l’uomo. Ripeto: se la donna imparerà a evitare lo spasmo o orgasmo, in se stessa si trasformerebbe, in se stessa originerebbe nuovissimi sensi di percezione extrasensoriale che le darebbe accesso a una DIMENSIONE SCONOCIUTA e comincerebbe con l’acquisire una nuova intelligenza che le permetterebbe di orientare saggiamente i suoi figli.

La donna è stata chiamata a educare i suoi figli (questo è il mio concetto).

La donna è stata chiamata a dare al figlio la prima educazione. In nessun modo mi parrebbe corretto che fosse il “KINDER” quello chiamato a dare le prime nozioni di cultura alla creatura appena nata. Penso che sia la madre chiamata a questo compito: formare il frutto delle sue viscere. Più avanti, potrebbe questo “frutto” entrare nelle Scuole Superiori dell’Umanità e all’Università; però con l’orientamento di base della famiglia. La madre è l’asse della famiglia, la maestra della famiglia, quella chiamata a educare i suoi figli. Oggi giorno tutto questo è andato perso. Nei tempi antichi (nell’Atlantide, nella Lemuria) le madri educavano i loro figli e li formavano in famiglia. Per questi tempi decadenti in cui ci troviamo, dovuto alla degenerazione del maschio, la donna ha perso molte delle sue qualità. Il maschio ha creato una civiltà falsa, una vita meccanica assurda. Inoltre ha commesso il crimine di togliere la donna dal focolare domestico. Allora la donna per poter sopravvivere in questo caos assurdo del ventesimo secolo, non ha potuto far altro che rimpiazzare l’uomo nelle officine, nell’industria, nelle banche, nel commercio nella scuola, nella scienza ecc.. L’uomo ultra-moderno è così degenerato che non è capace di sostenere la sua stessa famiglia, motivo più che sufficiente per cui non è rimasto alla donna che lanciarsi nella lotta.

Vediamo ad esempio negli Stati Uniti dove le donne lavorano nelle officine meccaniche, nell’Aviazione, nell’esercito ecc..

Una razza non degenerata , una razza progressista è diversa. In una razza progressista, la donna è l’asse portante della famiglia, la sacerdotessa. La base fondamentale su cui riposava la famiglia  nei tempi antichi non era il PATRIARCATO ma il MATRIARCATO.

Anche ora la donna ci tiene alla sua famiglia, però questo non sarebbe possibile (e non è possibile) finchè l’uomo non si rigenera; ora non è capace né di mantenere sua moglie né la sua famiglia. Un giorno, forse, comincerà una nuova storia. Quando succederà, il sesso sarà sacro un’altra volta e il maschio (rigenerato) andrà a coltivare il suo campo, arare la terra, “con il sudore della fronte” darà da mangiare a sua moglie e ai suoi figli come comandano le scritture.

Oggi giorno (è doloroso affermarlo) è tanto grande la degenerazione che molte donne devono andare a lavorare per mantenere il marito…

Vedendo tutte queste cose e trattandosi di cose tanto importanti, sento la necessità urgente e inappellabile di insegnare alla donna i Misteri del Sesso. Prima di tutto la donna deve liberarsi di un mucchio di vincoli assurdi, deve veder lo studio del sesso da una nuova angolatura, non considerare la sessuologia come un tabù o come un peccato, come motivo di vergogna ecc..

Se la donna vuole rigenerare l’uomo, deve affrontare direttamente i Misteri del Sesso, deve insegnargli questi Misteri. Disgraziatamente, l’animale intellettuale erroneamente chiamato uomo” non sa nemmeno rispettare la donna: tradisce come un animale, fornica incessantemente, sperpera il denaro della sua famiglia, nelle cantine, nelle case da gioco ecc.. 

Senza alcun dubbio la donna, vista la cruda realtà dei fatti, è chiamata assumere un nuovo ruolo: è necessario che si trasformi durante l’energia creatrice e che insegni all’uomo il cammino della rigenerazione. Ma questo non sarebbe possibile se non avesse UN POTENZIALE ELETTRICO SESSUALE SUPERIORE che le permetterà di realizzare un lavoro così magnifico. Fin tanto che la donna continua arrivando sino allo SPASMO o ORGASMO fisiologico non avrà il potenziale elettrico che le necessita per poter convincere l’uomo e nemmeno potrà convincere qualcun altro, né rigenerarlo, né indicargli il cammino di salvezza, non avrà nessuna autorità e non è possibile avere alcuna autorità finchè essa si scarica elettricamente. La donna necessita di irrorare le proprie energie creatrici, solo così potrà aumentare il suo potenziale elettrico e quindi avere la forza sufficiente e l’autorità che le permetterà di trasformare il maschio, di toglierlo dalle cantine e di insegnargli il cammino della responsabilità, della rigenerazione.

Vale la pena riconsiderare, non solo gli assunti biologici ma anche quelli psichici in relazione con la moglie, il marito, la famiglia. La moglie deve essere un poco più matura, dal punto di vista psicologico. Molte signore, ad esempio, si affannano per maritarsi poi più tardi falliscono. La donna deve sapere quale è l’uomo che sceglie, perché ciò sta alla base per il resto della sua esistenza.

Un giorno qualsiasi (non importa quale) arrivai in una banca. Avevo bisogno di prelevare.. La cassiera (molto sollecita) mi accolse. Ma quanto dolore provai vedendo come mi guardava da capo a piedi, studiando le mie semplici forme fisiche! Andai una seconda volta, e ci fu la stessa ripetizione. Una terza, e ci fu la stessa ripetizione della scena e una strana civetteria. Che cosa ammirava in me? Forse il mio stato psicologico, la mia parte animica o spirituale? Niente di questo. Era solo semplice civetteria. Guardare le apparenze di un viso, o di un corpo mascolino, con il proposito di farlo diventare un futuro marito o fidanzato, è assurdo al cento per cento (non posso far ameno che provare un gran dolore).

Alcune signore, per esempio che aspirano a prendere marito, si preoccupano del viso, della grandezza del corpo (se è alto o basso, forte o debole) se è ben messo, se è elegante o se è brutto, però niente , non interessa loro per niente la questione psicologica. Ciò è assurdo, è come scegliere un mobile: se è bello o brutto, se serve in cucina o in sala…

Il Matrimonio è quello che c’è di più grande nella vita. Voglio dire a voi tutti che ci sono tre momenti importanti nella vita: il primo, LA NASCITA, il secondo: il MATRIMONIO e il terzo LA MORTE (questi sono gli eventi più straordinari).

La donna deve guardarsi  dal scegliere un uomo solo per l’apparenza o per il desiderio di sposarsi perché ciò è assurdo. Voler fare di un uomo, diciamo il proprio “ideale” senza sentirlo veramente, psicologicamente, è del tutto incongruente. Molte donne nubili sussultano in special modo per l’artificio, la forma, lo splendore economico del tale o del tal altro; cercano di ingraziarlo in ogni modo, di dimostrarsi simpatiche, cercano di adattarsi al suo modo d’essere o di vivere, ma presto o tardi falliscono. Questo non è il cammino della felicità matrimoniale.

Nel vero Amore c’è spontaneità assoluta, non esistono artifici di nessuna specie. Quando la donna riconosce in un uomo (in maniera immediata) l’ESSERE CREATORE, non servono parole superflue, non c’è bisogno di lottare per adattarsi alla sua forma di pensare o di sentire. Nel vero Amore, la donna sa se l’uomo le appartiene o no. Però quando una donna guarda questo o quell’uomo, quando lo pretende in qualche modo, ella sa se c’è un tratto  in lui che non concorda con la sua natura, con la sua personalità, con la sua psiche o fondo psicologico particolare. E’ chiaro che se una donna crede di amare un uomo e sente che c’è qualcosa che non le appartiene, qualcosa come un tratto caratteristico che in nessun modo si avvicina al suo sentire, quest’uomo NON LE APPARTIENE. Una unione di questo tipo fallisce.

In nessun modo si può impostare il problema del matrimonio in maniera equivoca, perché il risultato si chiama “DOLORE”.

Quando ci si dimentica  che il Matrimonio è uno dei tre fattori più importanti della vita, commette un errore imperdonabile. Così le donne nubili devono pensar bene  a questo problema prima di prendere marito. E’ indispensabile saper sempre aspettare. Questa energia creatrice del Terzo Logos, che vive e palpita in tutto il creato, in tutto ciò che esiste, a ogni donna porta il suo uomo, che le appartiene per legge. Però se le nubili persistono a volersi sposare solo per accasarsi, andranno incontro al dolore…

POTERE FEMMINILE

La Rosa Purpurea o BAKARAH&BARAKAH ROSSO SANGUE! Da Gioacchino da Fiore a Dante e a Nostradamus ovvero : NOSTRA DONNA .

REALMENGYNIUS- NOSTRADAMUS

http://L’albero della Rosa sulle rive dell’Aquario fiorirà…celebre motto nell’arco della Madonna a LOURDES!

Nel Canto del Paradiso così Dante pone la struttura della Rosa nel cielo di Marte, il campo della Militia CHRISTI, dei soldati di CRISTO. Da cielo della Grande Guerra(Senso)Combattimento o la Competizione tra opposte antitesi come il Bene ed il Male.La Luce e la Tenebra(Katabasi = il Toro al Medio Cieli da Zenith astrologico stante opposto allo Scorpione. Veleno fatale termine. La Morte all’infimo Anabasi del cielo).Lo JING e lo YANG della filosofia cinese che i profani liquidano senza considerazione essere la Luce il Bene e le tenebre il Male,i Figli della Luce contro i Figli della Tenebra. Ma ben altro ragiona il Figlio dell’UOMO. Notte e Giorno componenti della Rota incessante di ogni mulino esistenziale. Tutti come siamo sia Vegli coscienti e poi tuffati nel necessario riposo tra le braccia di Morfeo …come dimostra la…

View original post 1.915 altre parole

IL CANTO DEL CIGNO ….o del Corvo Coronavirus a chi aspetta la Corona o il Colle ?Urnale Saturno e il Vaso di Pandora o delle Urne ?

REALMENGYNIUS- NOSTRADAMUS

C’é il tassello che da molto tempo non è ancora giustamente posizionato nel corso degli eventi temporali di questa nostra Saturnia Tellus ovvero AUSONIA.

AI vertici dei vari partiti e movimenti italiani ci sono figure ambigue che non hanno assolutamente il plauso di tutto il popolo. Per forza maggiore sotto le ali del DRAGO- Draghi(pure egli d’Aspre nome) accomuna con altri Nomi della storia passata e moderna, i momenti drammatici di cambiamenti e deviazioni di corsi politici ed economici).Garibaldi, Craxi,Cricket o Grillo o il Grill del Torquemada nostrano o poi chi altro ancora succederà Crimi in questa serie o glossa da far spostare la Bussola dei riferimenti in atto.(il primo riferimento al l’aspre de NOM..è stato nelle Pronosticazioni per il Papa CARAFA ai tempi del Nostro). Quindi l’attenzione è sempre rivolta alle fonetiche decisamente crude polarizzate sempre al KRS logo che ha la sua origine ben più antica secondo…

View original post 1.131 altre parole

Stella del mattino

“Ho visto i luminosi pionieri dell’Onnipotente
al confine dove il cielo si volge verso la vita,
scendere le scale d’ambra della nascita;
i precursori di una Divina moltitudine.

Essi venivano sul Sentiero della Stella del Mattino,
nella piccola stanza della vita mortale.

Li ho visti attraversare la penombra di una età
i bambini dagli occhi solari
portatori di una meravigliosa Aurora,
i grandi creatori dal calmo aspetto.

Li ho visti gli abbattitori delle barriere del mondo
i lottatori contro il destino nato dalla paura.
Li ho visti i lavoratori della Casa degli Dei,
i messaggeri di ciò che non può essere comunicato,
gli architetti dell’immortalità.

Li ho visti cadere nella sfera umana,
con i volti ancora luminosi della gloria immortale,
con voci che ancora parlavano con i pensieri di Dio,
con corpi resi splendenti dalla Luce dello spirito.

Portavano la Magica Parola, il Mistico Fuoco,
la dionisica Coppa della Gioia.

Li ho visti, i bambini che rendono l’uomo migliore,
coloro che cantano uno sconosciuto inno dell’Anima.
Ho sentito l’eco dei loro passi nei corridoi del tempo.

Ho visto gli alti sacerdoti della Saggezza,
della dolcezza, della Potenza e della Felicità Celeste,
i rivelatori delle vie solari della Bellezza,
i nuotatori delle acque tempestose dell’Amore,
i danzatori che aprono le porte d’oro del Nuovo Tempo.

Sono qui.

Camminano fra noi per mutare la sofferenza in gioia,
per giustificare la Luce sul volto della Natura.”

(Sri Aurobindo)